L’Immobiliare.com Verona

10 consigli per vendere (meglio) la tua casa

 

 

 Scegli il tuo agente immobiliare

La complessità tecnica, documentale e commerciale che oggi comporta una vendita immobiliare richiede capacità e competenze che solo una agenzia immobiliare strutturata possono fornire; sceglierne una e condividerne scelte e strategie sarà il Vostro miglior investimento nel tortuoso percorso che vi porterà alla vendita.

 

Controlla i documenti tecnici

Una fase sempre più fondamentale; non pensate che il Vostro immobile sia in regola “perché non ci ho mai fatto niente”; purtroppo gran parte degli immobili tra gli anni ’60 e gli anni ’80, presentano difformità che vanno sanate o rettificate; è importante affidarsi a chi ti segue in questo importantissimo aspetto che ti eviterà problemi, lungaggini, malintesi. Le agenzie immobiliari ben strutturate seguono questi aspetti.

 

Ridipingi le pareti della casa

Se il budget lo consente, è una buona idea ridipingere le pareti della casa. In questo modo chi entrerà a visitarla avrà subito una buona impressione. Bisogna poi tenere conto del fatto che l’arredamento lascia i segni, ad esempio le cornici dei quadri, una mensola o una lampada. Una nuova mano di vernice dà un’impressione fresca e pulita e dobbiamo sempre pensare alla “fotografia” mentale che accompagnerà il cliente nei giorni successivi la visita.

 

 

Non lasciare nulla di non funzionante

Una tapparella che funziona male, una porta che non si apre bene ecc. La maggior parte delle persone non è molto convinta di acquistare una casa che deve essere rimessa completamente a nuovo. Qualsiasi danno visibile farà sì che il potenziale acquirente veda l’immobile come “una ristrutturazione” e penserà di dover investire molto tempo e denaro. Inoltre, se la casa è in buone condizioni e non necessita di molte riparazioni, l’acquirente avrà meno scuse per negoziare il prezzo. Pertanto, correggere piccole imperfezioni è un investimento che sarà molto redditizio anche per il venditore.

Casa pulita e profumata

Nella visita di una casa vengono coinvolti tutti i sensi: un bagno non curato, un ambiente non aerato, un pavimento poco pulito sono input negativi; tutti amano entrare in una casa pulita e che profuma di pulito. Anche se la casa viene pulita di frequente, una pulizia profonda è un’altra cosa.

È bene concentrarsi su tutte le maniglie, sugli interruttori della luce, sulle porte e soprattutto sule finestre, un vetro pulito e trasparente trasmette sensazioni positive. E luce.

Togliere gli oggetti personali

Un immobile caratterizzato da tanti oggetti personali (la classica “foto di famiglia”) fa vivere al potenziale acquirente una sensazione da “intruso” e sarà più difficile immaginare una vita all’interno dell’immobile. Ed è chiaro che quello che si vuole ottenere è proprio l’effetto opposto. Per tale ragione, è opportuno adottare degli accorgimenti con uno stile neutro, perché in questo modo sarà possibile attirare un pubblico più ampio.

Tenere in ordine, sempre.

Cosa c’entra l’ordine con la vendita della casa? A tutti piace una casa che dà la sensazione di spazio. In generale, un acquirente cerca una casa spaziosa e che nella sua testa immagina ordinata.

Se un interessato entra in una casa che non sembra avere spazio a sufficienza potrà facilmente perdere interesse. Per questo è importante mettere in ordine e non lasciare nulla di troppo in giro (ovviamente dove e quando possibile); anche perché l’ordine viene percepito sempre positivamente ed influisce anche sull’idea che ci si fa del venditore.

Con mobili o senza?

Qui ci sono due teorie di pensiero: togliere tutti i mobili riduce la leggibilità degli spazi (vuoti), troppi mobili sono oppressivi; bisogna trovare il giusto equilibrio, ma la casa deve essere ben visibile. Se possibile cominciate a togliere tutto quello “che è in più”; lasciare un arredamento “essenziale” sarebbe la cosa migliore.

Foto professionali? Basta un IPhone…

Avere delle belle immagini è fondamentale per tanti motivi: si creano maggiori emozioni, si danno migliori informazioni visive, si sale nei ranking di visibilità dei portali immobiliari.

Oggi non occorre più un fotografo professionista (certo, sarebbe meglio) ma può bastare un bravo agente immobiliare che ha fatto un corso di fotografia per IPhone, mezzo che ha raggiunto livelli elevatissimi per fare delle foto meravigliose…se lo si sa usare.

 

Gli ultimi dettagli

Gli ultimi dettagli possono veramente essere tali, come una lampada nel posto giusto (soprattutto d’inverno quando c’è poca luce), qualche pianta od oggetto che valorizzi l’ambiente.

Anche la temperatura è (un dettaglio) importante; associare l’immobile ad una temperatura gradevole è fondamentale per chi la viene a visitare; un ambiente eccessivamente caldo (o freddo) che metta a disagio il visitatore, influenzerà il suo modo di vedere le cose-

 

Post relativi